Lifestyle

La mia valigia per il parto

aprile 17, 2017
valigia parto

Ed ecco che anche il nono mese sta per finire, mancano solo 15 giorni al termine e chissà quando questo piccoletto deciderà di venire al mondo!

Le emozioni sono contrastanti, la paura del parto e la voglia di vederlo…certo, la seconda dovrebbe prevalere, ma per ora tutti i miei pensieri sono concentrati su una sola cosa: ottenere l’epidurale.

Non è poi così scontato eh…perchè malgrado l’ok dell’anestesista io ho già capito l’aria che tira…cioè cercare di dissuadere le partorienti il più possibile. E se voi ne capite il motivo ditemelo per favore, perché io non voglio piegarmi. No, se il dolore si può evitare (o attenuare) io dico SI, facciamolo!

E non venitemi a dire meraviglia è sentire i dolori del parto, partorire con dolore, donne vere,  bla, bla, bla. Andate a farvi togliere un dente senza anestesia? Non credo!

Detto questo, ovviamente, scelte personali e da prendere sul momento, in base al dolore e alla situazione. Ma insomma, amiche ostetriche, non esagerate troppo la questione, lasciate a noi povere donne doloranti l’ultima parola e se non ci sono motivi medici per negarcela, fateci fare questa diavolo di puntura, che con tutti i tickets che paghiamo ce la siamo ampiamente meritata.

Ma il post non doveva parlare di valigia per la maternità?!

Proprio nei giorni scorsi ho terminato di preparare la mia, è li chiusa (anche se la riaprirò cento volte ancora) che aspetta solo di essere caricata in macchina 😉

Tutto è pronto, o almeno credo, e se proprio qualcosa non andrà come ho programmato…poco male, vorrà dire che per una volta mi lascerò andare e cercherò di non avere il controllo totale su tutto.

Con questo post non voglio dare consigli su come preparare la valigia per il parto, che deve essere una cosa alquanto personale, ma farvi vedere come l’ho preparata io, secondo i miei bisogni.

Per prima cosa ho deciso di usare due valigie distinte per me e per Baby, io un trolley blu Roncato semplicissimo e per lui la borsa Inglesina in dotazione con il Trio.

valigia maternità

Per quanto riguarda il piccolo, ho seguito i consigli che ci hanno dato al corso preparto, attenendomi all’elenco delle cose che l’ospedale chiede di portare.

5 cambi completi: body a maniche corte, tutina intera o pantaloni e maglietta, maglioncino coprifasce (dipende dalla temperatura), calzine e bavagli.

Io ho optato per 2 tutine di ciniglia e 3 di cotone, visto che la temperatura lo permette e comunque in reparto solitamente fa caldo.

Ogni cambio deve essere contenuto in una busta di plastica con scritto il nome del bambino, così le infermiere non devono stare a scegliere ma si trovano già dei piccoli kit pronti.

In ogni caso, oltre ai 5 sacchettini, ho inserito in valigia un paio di body extra, oltre che a qualche bavaglio e un ciuccio, anche se era indicato di non portarlo.

DSC_5750

Alcune di voi mi avevano fidatamente consigliato di non scegliere tutine troppo belle, in quanto i piccoli rigurgiti possono macchiarle, e così ho fatto, riservando le due più carine per la parte finale della degenza e per il ritorno a casa.

I body e le tutine che ho scelto per il ricovero sono di Petit Bateau e La Redoute, entrambi con un ottimo rapporto qualità prezzo.

Calzine e bavaglini sono di H&M e Amazon (bianchi, in spugna, semplici e perfetti).

Ho portato anche una copertina in cotone presa sempre su Amazon, semplice e morbida, utile durante la degenza, e una copertina azzurra fatta a maglia da mia suocera, che useremo per il ritorno a casa.

DSC_5751Infine, due teli di mussola presi da ikea, per coprire il bimbo che ciucca, così da avere po’ di privacy durante l’allattamento, visto che la cosa già non mi alletta.

A questo proposito, ho inserito in valigia anche una coppia di paracapezzoli in silicone, le infermiere se ne faranno una ragione 😉

Per quanto riguarda la mia valigia, seguendo le indicazioni dell’ospedale ma non proprio alla lettera, fidandomi in questo caso anche del mio istinto, ho inserito: 2 camicie da notte abbottonate sul davanti, della marca Premamy, perfette, semplici e molto morbide, ad un prezzo modico, anche perché non so quando le riutilizzerò, anzi, quella usata durante il parto andrà direttamente nella spazzatura temo ;P

valigia parto

Oltra alle due camicie da notte abbottonate ne ho anche una semplice per l’allattamento e un pigiama intero preso da OVS, di una taglia abbondante e molto morbido, con pantaloni ampi e maglia abbottonata sul petto, così da sentirmi comoda e a mio agio durante le visite di parenti e amici.

Ho inserito in valigia anche due canottiere da allattamento di H&M prestatemi da un’amica e due reggiseni semplicissimi a triangolo, uno da usare durante il parto (si, sono pudica, pudica, pudica) e uno di una taglia in più per la montata lattea.

Un paio di ciabatte per la degenza e un paio in plastica per la doccia, dei sexissimi slip per incontinenti da usare dopo il parto, perché no, secondo me gli assorbenti post-parto scappano ovunque, quindi bruttezza per bruttezza, mi sono decisa a comprare i mutandoni assorbenti usa e getta.

beauty

Infine il beauty, nel quale ho inserito tutto l’indispensabile per la pulizia quotidiana, bagnoschiuma, sapone intimo ecc, oltre ad alcuni prodotti che penso possano tornarmi utili, come una bomboletta di acqua spray Evian, per rinfrescarmi durante il travaglio e un burrocacao per contrastare la disidratazione.

Ho pensato che potesse essere utile portare anche una bomboletta di shampoo a secco, nel mio caso Fructis, per darmi una sistemata ed avere un aspetto ordinato dopo il parto, quando ancora non avrò molta voglia di lavarmi i capelli come si deve immagino.

Ho preparato anche una piccola trousse con il minimo indispensabile per un trucco leggero: la mia acqua micellare che ho trasferito in un piccolo contenitore da viaggio, correttore, matita e mascara, oltre ad un piccolo blush.

Infine, il mio adorato Huile Prodigieuse Nuxe, per idratare la mia pelle senza appiccicare e una ulteriore piccola trousse contenete qualche bustina di camioncini di crema mani e balsamo per i capelli.

DSC_5798

Insomma, siamo tutti pronti, vero Pippi?!

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply zia consu aprile 18, 2017 at 5:44 pm

    hihihi…mi fai sorridere perchè hai davvero pensato a TUTTO nei più minimi dettagli! Quando sarai lì vedrai che dimenticherai di truccarti e rinfrescarti ma avrai attenzioni solo x il tuo LUI 🙂
    Stai serena e goditi questo momento di gioia!

  • Leave a Reply